donne ed epilatori, gioie poche e molti dolori.

Io l’invidia la aborro.
Giuro: gli invidiosi sono la peggior specie sulla Terra. Per fortuna sono anche quelli più facili da castigare: basta essere felici per farli stare male.
Eppure c’è una categoria umana che io, lo confesso, invidio a sangue, a morte, allo stremo: le donne a cui non crescono i peli.

E dannazione.

Perchè essere donna, over 30, ed in ordine, è un full-time job.
E i baffetti (straaapp!) e le sopraciglia, e il puntino nero, e i pori dilatati, e la pulizia del viso, il tonico, la crema che idrata quella che leviga quella che esfolia e quella per il giorno, quella per il giorno se è estate, e quella per la notte, e quella per la notte se è inverno, e la zona dove la pelle è grassa e quella dove è fragile e quella dove è secca. Ogni giorno. TWICE!
E poi truccati.
E POI STRUCCATI.
E la ceretta e l’epilatore e le gambe, leva pelo, metti crema, hai finito ma non sei liscia, NO! C’è il pelo incarnito, quello spezzato, ed alla fine della manfrina… diosanto, manca un ginocchio.
E le smagliature? E la cellulite? E la tonicità che se ne va felice? La pancetta?
Vabbè, quelli sono danni strutturali.
E la ceretta all’inguine? Ma quanto male fa la ceretta all’inguine?
E poi magari hai un solitario beffardo peletto sul mento.

E poi i capelli. Lava i capelli, increma i capelli, liscia i capelli arriccia i capelli pettina i capelli vai a tagliare i capelli vieni fuori fresca di piega, ma il giorno dopo ti guardi allo specchio e ORRORE!! HAI UN CAPELLO BIANCO.
E lava i capelli e increma i capelli e tingi i capelli e compra il balsamo per capelli sfibrati grossi secchi tinti ricci indemoniati senza speranza.

E le mani? E la pellicina la cuticola e taglia le unghie e lima le unghie e con la sinistra come si fa? Tragedia. Storture. Rilima ritaglia. E lo smalto? Passa una mano di base ‘spetta cinque minuti passa lo smalto sbava lo smalto pulisci la sbavatura…cazzo ho ne ho levato anche dall’unghia. Daccapo! Metti lo smalto aspetta lo smalto: finito? NOO!
Seconda mano!
Aspetta ancora immobile che non puoi neanche grattarti il naso.
Finito?
MACCHE’.
TOP COAT!!
‘vanti col Cristo, altri cinque minuti di inutilità cosmica.

E i piedi??? Via di pietra pomice sotto sopra di lato, e il tallone si screpola e metti LO STICK, diosanto cosa creano per le donne!, lo stick per i talloni screpolati, che hai presente che orrore quelle donne col sandalo strafigo ed il tallone tutto bianco e screpolato stile tedesca sessantenne che visita Roma in ciabatte.
Metti lo stick e metti la crema e taglia le unghie e lima le unghie e ripeti la stronza trafila dello smalto.

Ma siccome le giornate sono di 24 ore e ti tocca lavorare per vivere, e magari anche dormire, far da mangiare, pulire la casa pensare ai gatti, mica fai tutto in una volta, no, un giorno questo un giorno quest’altro.
E così finalmente non hai più le sopraciclia di Bergomi, i baffi di un messicano, la pelle del viso è decorosa, lo smalto non è smangiato, ti sorridi allo specchio guardando il taglio nuovo, poi ti infili in doccia e….

ORCOCANE…SON RICRESCIUTI I PELI SULLE GAMBE!!!!

Ma solo io?!!

Annunci

9 pensieri su “donne ed epilatori, gioie poche e molti dolori.

  1. In realtà sono un uomo, ne sono sempre più convinta.
    O una bambina, cosa più probabile.
    E’ che, di tutte le esilaranti cose che hai elencato, io ne farò tipo 4 in croce, volendo esagerare.
    Non sono uno yeti che se ne frega della simpatica pratica depilatoria, eh, non fraintendermi, anche io sono amica dei rasoi (ma non in senso emo. :P), però per me è una cosa veloce, superficiale, frettolosa e… non molto frequente.
    Lo confesso: sono una persona a cui i peli crescono pochissimo, lentamente, chiari e quasi invisibili.
    Ora odiami, avanti, sono pronta!
    Per il resto, ho la pelle piena di impurità, non ho MAI fatto una pedicure in vita mia, a volte mi mangiucchio le unghie, avrò le rughe l’anno prossimo (già ho le borse sotto agli occhi, ci potrei anche portare la spesa, effettivamente.) e probabilmente sarò presto calva, considerando che i capelli li maltratto abbastanza, tra tinte casalinghe ed improbabili esperimenti riccio/liscio dell’ultim’ora.
    Dovrei essere radiata dall’albo delle femmine, me ne rendo conto.

  2. io uomo! grunt
    io cacato = io felice

    l’ultima volta che sono stato in trasferta per lavoro avevo dimenticato il necessarie e mi sono reso presentabile con i rimasugli trovati in valigia frutti di saccheggi alberghieri.
    ora che ho la barba neanche il rasoio è un mio problema. sì, lo ammetto: la mia vita mi ha portato ad una regressione nichilista che fa di me un essere ancora più anti-metrosexsual di quanto lo ero prima.

    stimo le donne e allo stesso tempo le odio e allo stesso tempo ne sono terrorizzato e allo stesso tempo provo un po’ di pena (nel senso di cristianissima pietas)

    le stimo perchè se fossi donna sarei un cesso inguardabile
    le odio perchè tecnicamente questi problemi oggettivi vi rendono instabili e in costante ritardo/affanno con necessità di stabilizzazioni pari a fare il giocoliere di gavettoni di nitroglicerina sul tagadà
    ne sono terrorizzato perchè non è mica una cosa normale comportarsi così, quasi sicuramente siete aliene
    pena perchè rientro nel cazzo di genere maschile che soffre le succitate considerazioni a livello empatico, ma allo stesso tempo sono giudice dei particolari sfuggiti a tanta minuzia. sono uno stronzo, non ne faccio una questione di principio però, cazzo, lo noto.

    siamo praticamente spacciati.

    PS tra un po’ mi autoinviterò per una serata di belligeranza alcolica presso di voi. preparatevi ;)

    • Tommy, ho riso alle lacrime.
      Il poverello con la nitroglicerina sul tagadà è DA URLO.

      Si accomodasse.
      Anzi, potrei avere giusto giusto il giorno giusto anche se sono in attesa di conferme: cosa fai martedì? ;)

  3. Ho riso tantissimo. Tutto vero, anche se io faccio forse la metà di quello che hai citato… o forse anche meno, ma, a me, pare già tanto :) Mangusta non è pelosa, ma io sono anche figlia di The Mexican, quindi ho provato le gioie della ceretta al linguine.
    La pelle del viso, a cui non avevo mai fatto attenzione prima di trasferirmi qui, quella è un basket case. Mi chiedo perchè ci sto ancora dietro…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...