Passata è la tempesta (cit.)

L’avevo già detto, in tempi non sospetti. Io sono una persona media. Mediocre, nel senso autentico del termine.
Cosa capita a questa persona media con la sua vita media e soprattutto il suo blog MEDIO, col suo traffico di venti cristi al giorno, un picco di 200 se proprio proprio, il suo “parco blogger” con cui chiaccherare la sera, quando plana totalmente inconsapevole nel meccanismo di un post che diventa virale sui social network?

L’ANSIA.
Un’ansia della madonna.

Che poi manco mi sono resa conto.
Martedì guardo le statistiche (adoro le chiavi di ricerca) e dico al Tecnologico:
“Toh sono spariti gli accessi”.
“Come spariti?”, mi risponde lui.
“Ah, boh, di solito c’è un grafico, adesso vedo solo oggi, i giorni precedenti sono tutti a zero”.

Poi controllo.
Non sono a zero i giorni precedenti.
E’ a duemila e qualcosa il giorno stesso.

“Ma… ma segna un numero spropositato!”, protesto col fidanzato.
E lui, che è il Tecnologico mica per niente:
“Ti avranno condivisa su facebook”.

Ora, io le avevo levate apposta, le opzioni per la condivisione sui social. Penso ad una qualche anomalia di wordpress e me ne vado a letto bella paciarotta.
La mattina dopo, ore 8.00, ho la casella mail con 300 messaggi non letti.
Apro il blog e c’è il finimondo. Una notifica ogni 30 secondi. Una fiumana di persone. Commenti, like, mica like, follow, più WordPress stesso che ogni dieci minuti mi dice:
“Ehy brava hai superato il tuo record di visite!”, “Guarda che è un gran giorno per i like”, “A tizio piace il tuo blog, magari anche a te piacerà il suo!”.
Il Tecnologico ridacchia, poi guarda anche lui il blog con la sua cartellina arancione che lampeggia festosa, e dichiara “Ti stacco la rete”.

Vado a lavorare. Arrivo in ufficio. La casella mail ha dei numeri di non letto improponibili. 600. 650. 700. Mi chiama il Tecnologico: “Guarda che sei sulla pagina di PalleQuadre”. E ride.

Per una come me, finire sulla pagina di PalleQuadre è come se avessi, che ne so, l’hobby del rammendare calzini, ed un giorno uno ti chiama e ti dice “Ciao, c’è una foto dei tuoi calzini rammendati in home page di Vogue”.
Ma che davvero?

La casella mail non la guardo più perchè mi viene l’ansia.
I commenti non riesco manco a leggerli, e mi viene l’ansia.
Apro facebook. I miei gruppi stanno condividendo lo stesso post.
Peggio: i miei AMICI stanno condividendo lo stesso post, senza sapere che l’ho scritto io, piccolo particolare irrilevante.
Sì, perchè fino all’altro ieri lo sapevano in due, che scrivo un blog, Sua Tecnologia e mio fratello.

Voglio del lexotan. Devo lavorare. Chiudo. Riapro.
Guardo gli accessi. 50.000. Un quarto degli abitanti della mia città.
Voglio anche dello Xanax.
Mio fratello, pure lui, mi manda un messaggio: “Perchè c’è un tuo post sulle bacheche dei miei amici?”
Ma veramente?
Intanto WordPress mi racconta “Ciao, sai cosa? Sei nei primi dieci blog”.

No. Nei primi dieci blog ci sta la gente che deve stare, nei primi dieci blog. Non quella come me, che scrive tre post al mese di cazzeggio di cui uno perennemente la domenica e mentre asciuga lo smalto di una mano ticchetta con l’altra. No.
Io non voglio intrattenere nessuno. Io blatero dei cazzi miei. Vedi, stupido WordPress? Io scrivo cazzo. Un sacco di volte. E merda. E sicuramente avrò infilato anche qualcos’altro, da qualche parte.
Stupido wordpress, ci sono i blogger veri là fuori. Mollami.
“Ciao Verba, abbiamo un nuovo record che…”
PUSSA VIA TI HO DETTO, IO NON SONO DAGOSPIA!

Arrivo a sera che sono l’immagine dell’incredulità. Non sto neanche a dire quante persone sono passate da qui, ad oggi è praticamente l’intera mia città più la prima provincia.
Fa impressione. Piagnucolo al Tecnologico “Ma adesso che ci ho i follower io posso continuare a parlare dei cazzi miei?”
Il Tecnologico risponde, testuali parole:
“Cristo. Chiudi tutto.”

Nel frattempo c’è un sacco di gente che mi scrive complimenti, un sacco di gente che argomenta assai meglio di me, un sacco di gente che mi dice “cretina” (a questo son già più abituata) ed un sacco e mezzo di gente incazzata.
Il primo giorno si incazzano per le citazioni di lauree. Mi sarò spiegata male.
Il secondo giorno qualcuno si incazza perchè non-si-dice-ignorante.
Il terzo arrivano i matti veri, e con loro dei nuovi settaggi al filtro antispam.

Adesso che la situazione sembra stabile e la piena passata, posso dire che:
E’ stato bello.
E’ stato terrificante.
Da grande è più facile che faccia l’astronauta piuttosto che la blogger.

Grazie a tutti. Grazie a chi ha scritto la sua, a chi ha scritto dei complimentoni che manco mi merito ed a chi ha scritto mavaffanculo. Grazie al matto che ha lasciato 7 messaggi di bestemmie che giacciono nella coda spam, insieme a riferimenti alla moralità mia, di mia madre, di mia nonna ed allo stato di conservazione del mio culo. Grazie al troll che s’è fatto un fake per venirsi ad aiutare dicendo di trovarsi “molto interessante”, senza sapere che nei commenti gli ip io li vedo IN CHIARO.
Grazie a chi ha spiegato al posto mio agli offesi. Grazie a chi ha argomentato, risposto, riso. Grazie a chi non ha capito come funziona un pingback.
Ma grazie soprattutto perchè in qualche migliaio mi avete cercato come verbasequentur, che adesso è la prima chiave di ricerca e sostituisce, dopo MESI, l’insopportabile “modelle puttane eroinomani” che non so come fino ad oggi ha mandato la gente da google, qua.

Annunci

140 pensieri su “Passata è la tempesta (cit.)

  1. Mi è successa una cosa molto simile pochissimi giorni fa, un mio post ha fatto il giro della rete, non so perché, cioè, dicono sia carino, ma non mi aspettavo una cosa del genere! La diffusione è avvenuta grazie a facebook, ho ricevuto più visite in quei due giorni (parliamo dell’altra settimana, ti dico solo che se scrivevi “pompino” su google, il mio post usciva come primo risultato…) che in un anno di blog, wordpress che ogni due minuti mi segnalava “traffico anomalo”, “record”, “record”. Ahahah! Hai ragione, bello ma terrificante! Quando tutto si è normalizzato, eccco, ho avvertito leggerezza, mi sentivo un sacco osservato! :P

  2. Mwaehah. Ciapa lì, affoga nel successo, pedalati ‘sta bicicletta, zitta e muta. Così impari, la prossima volta ci pensi due volte prima di scrivere una cosa intelligente!

    no spè, cazzo sto dicendo?

  3. Non ti preoccupare, continua a scrivere. Un sedativo non ha mai ucciso nessuno, e l’assenzio in Italia non si può commerciare. Non hai scritto in ente di nuovo, niente di offensivo e niente che abbia inciso minimamente sulla realtà. Che tu lo voglia o meno, lo hai scritto però in maniera brillante, senza problemi di buonismo e con un delizioso senso dell’umorismo.

  4. Non è che tu abbia scoperto l’acqua santa con quel post, ma hai dato voce a ciò che molti di noi pensano. Esempio spiccio: oggi litigavo con mio fratello perché lui, senza sapere un cazzo di politica né di economia, senza neanche sapere cosa sia la svalutazione monetaria, ha iniziato a elencarmi gli assurdi motivi per cui dovremmo tornare alla lira e alla sovranità monetaria. A un certo punto, quando ho notato che a nulla sarebbero serviti i miei ragionamenti atti a fargli capire perché questo è un progetto irrealizzabile, senza neanche accorgermene mi sono messa a borbottare ‘tutti dottori, sono tutti degli stramaledetti dottori’.
    Traduzione: sei una grande, continuerò di certo a seguirti :)

    • Hai raccontato in sintesi una scena che vivo quotidianamente, anche se in altro ambito. :-D
      Il punto è proprio quello che io credevo di avere scritto una cosa assolutamente lampante e metabolizzata dalla maggior parte delle persone, quindi che la situazione fosse palese e che fosse solo un problema mio quello di non riuscire a digerire la favoletta dell’UNO VALE UNO applicata alle competenze personali.
      Vedere la marea di gente che lo ha trovato liberatorio è francamente impressionante.

  5. Ahah ma sai che ti ho trovato condivisa da due amiche su fb l’altra mattina e ho pensato, dai che scema che sono, non avevo capito che verba è un blog famoso. Poi leggendo il post ho pensato fossi uscita viral , ed infatti. Brava! Quanti cazzo però ;)

  6. Ah ecco perchè ieri ti ho trovato condivisa su fb da due miei contatti che manco si conoscono!!!
    Mi son pure stranita, perchè è stato come se fossero entrati nel mio giardinetto di blog che seguo, cosa che tengo SEPARATISSIMA dal resto del mondo!
    Beh dai, hai avuto il tuo quarto d’ora di internet-torietà. Poi passa. :D

  7. io penso invece che tu sia molto in gamba e che chi insulta non abbia niente di meglio da fare! mi sono divertito molto a leggere i tuoi pezzi. quello dei diversi tipi di clienti mi ha fatto morire! spero che continuerai a scrivere perchè leggerti mi diverte molto

    e la frase “ignorante come una bestia dei boschi” l’ho subito fatta mia! ahahah

  8. anche io ho visto che un’amica a cui avevo fatto conoscere il tuo blog ti ha condivisa su fb. Oh…e sei brava. Ricordati di noi ammiratrici di vecchia data quando diventi famosa! ;)

    • No Sara qui nessuno diventa famoso, a me piace sparare le mie scemenze senza che l’esercito di soloni che è atterrato qui (tipo il tizio dell’argumentum a stocazzum, maronna bona che pesantezza) si metta rivoltare la rava e la fava. Chi ha voglia di leggere anche minchiate benissimo, chi cercava un blog di scienziati ha proprio sbagliato posto. :D

  9. Buongiorno Verba,

    vorrei farti i complimenti per il post incriminato. Lo faccio qui perché di là è un delirio…
    Solo una domanda: che cosa ti sei fatta per rispondere a tutti senza sclerare completamente? Ti ammiro! Hai mantenuto un aplomb incredibile, io avrei iniziato ad urlare e sbavare dopo 5 minuti! ;)
    Scherzi a parte, il tuo post rispecchia esattamente ciò che penso, grazie mille per aver dato voce a tante persone “normali” che si vedono calpestate ogni giorno da un mare di ignoranza e non possono farci nulla!

    Alla prossima!

    • Pensavo che le persone che hanno perso del tempo per scrivere sul mio blog si meritassero una risposta di un qualunque genere, anche se a dire il vero alcuni sicuramente me li sono persi, altri hanno scritto cose che meriterebbero un risalto migliore e che sono IMHO più interessanti del post stesso (tipo i due tre che hanno scritto della loro etica – vegerariana).

      L’aplomb non lo perdo perché ho un collegamento internet dal 1996 ed ho passato almeno un decennio a flammare ogni giorno. Sono vecchia, stanca e paziente.
      Grazie mille a te, alla prossima! :)

  10. Sono una dei tanti che hanno trovato il tuo post su fb, che l’hanno letto e condiviso. E dopo aver letto quello, sono andati a curiosare nel tuo blog, spulciando fra tag e categorie allettanti, e si sono fatti una scorpacciata dei tuoi post leggendoli di nascosto in ufficio. E a quel punto avevano già deciso che il tuo era un blog da seguire.
    Mi piaci! Mi piace quello che scrivi e mi piace come lo scrivi.
    Perdona quest’intrusione, alla fine sono solo una dei tanti :)

  11. Anch’io sono una di quelle che ha letto il tuo post su facebook. Sono una neofita di blog e non ci capisco ancora una fava di wordpress, ma ho deciso immediatamente di seguirti. Mi piace come scrivi. Mi piace quello che hai detto. Tutto qua. Io sono una che si incazza spesso con chi crede di non essere ignorante (e lo dico da ignorante!) e crede di venire a insegnarti qualcosa, così il tuo post mi ha fatto ridere e tirare un grosso e sano respiro. Perciò continuerò a leggerti! Buona giornata! :)

  12. Ho trovato il link del post “Tutti Dottori” su facebook, mi hai fatta ammazzare dalle risate e mi sono resa conto di essere d’accordo dalla prima all’ultima riga! Ovviamente non ho potuto fare a meno di consigliarne la lettura a parecchi amici! ;)
    Mi sono letta altri post e mi piace molto il tuo blog, spero che continuerai a blaterare in maniera spontanea di quello che ti gira per la testa: di blog superseri che aspirano a dare lezioni di vita, che alla terza riga già hai un travaso di bile o stai russando, ne è pieno il web!
    Buona giornata :)

  13. Ciao Verba, ho letto e commentato, e ti svelo il segreto del tuo successo (ovviamente secondo me): hai prodotto un ottimo prodotto. Una cartuccia da sparare, senz’altro figlia dello sclero ma che aveva tutti i crismi per parlare all’anima di chi – ad esempio – si è laureato col vecchio ordinamento e si è fatto il culo su esami annuali con testi che erano come mammut. E sputava sugli angloamericani che fanno gli esami a crocette. Una ottima cartuccia da social, visto che tutti abbiamo l’amica vegana, wikipediana, o convinta che google sia la fonte diretta del sapere. Ma questa è anche la logica di chi compra un libro e poi non lo legge, ma siccome lo possiede si sente un po’ più colto. E comunque vuoi mettere la soddisfazione nel condividere il tuo post sulla sua bacheca? Grazie di cuore

  14. ahahah Sei una grande! Ho letto il tuo post su facebook, “Tutti Dottori”, l’ho passato alle colleghe in ufficio e poi mi son messa a spulciare anche nei tuoi post passati. Ho riso come una matta. Continua a scrivere :)

  15. Ciao, commento di quà che sull’altro post c’è il delirio :-D
    Ho trovato anch’io il link al tuo blog su FB, ma oltre al post incriminato me ne sto leggendo anche altri di gusto, come dice quella canzone “I like your style!”! Complimenti per l’ottimo lavoro e l’ironia.. e anche per questo post! E’ divertente sapere cosa succede ad una blogger che si ritrova inconsapevolmente catapultata sulla cresta dell’onda :-)
    Comunque è vero, siamo prigionieri del politically correct e secondo me io e molti altri troviamo liberatorio l’uso di parolacce varie. Pensa che ieri all’ennesima comunicazione assolutamente inutile del mio capo ho chiesto ai colleghi “ma secondo voi se gli rispondo [Per l’ennesima volta, di quel che succede nel database X CAM/COM (il mio progetto) se ne sbatte altamente la minchia] suona male?” mi hanno risposto di si :-(

    • Succede che pensi “oddio ma quelli che hanno questo caos costantemente come fanno ad avere una vita?”.
      Ieri volevo rispondere ad un cliente “Muori”. Ma poi mi sono ricordata che lavoro per vivere :(

      • Eh, che palle ‘sta cosa che per vivere bisogna avere i soldi e quindi lavorare! (salvo botte di culo anagrafiche o lotteristiche) :-D
        ps. ma il felide tuo avatar è un Maine Coon?

  16. Continua, non ti arrendere, non ti spaventare. Piuttosto è l’intelligenza, l’ironia, la leggerezza che spaventa gli ignoranti e gli ottusi. E’ per quello che ti inondano di improperi, insulti ed altre amenità.
    Abbiamo bisogno di sentire e leggere parole come le tue, dette proprio in quel modo. Giusto per comprendere che non siamo pochi a riuscire ancora a “pensare”.
    Grazie.

  17. Ciao Verba, o letto un tuo post sui dottori su Fb che mi è piaciuto molto. E poi glielo detto anche ad un mio amico su Fb che gli è piaciuto molto anche a lui. Però a detto che tu usi troppe parolacce e che poi sbagli a scrivere da o dà o da’. Per me non fa niente che anch’io sbaglio a scrivere in itagliano. Io credo che tu puoi rispondere a tono a tutti i dottori perchè sei intelliggente anche se sei mediocre. Per questo credo che continuerò a seguirti anche dopo.
    Con affetto un tuo ammiratore ( che gli è piaciuto molto il post sui dottori)

  18. Ho letto il post in questione perché un mio amico l’ha condiviso su Facebook, e non ho potuto non trovarlo geniale… l’ho condiviso e fatto leggere a tutti! Hai scritto esattamente quello che penso, sottoscrivo ogni singola parola! Sarebbe bello se ci fossero più persone in Italia a pensarla come te!Complimenti!!

    • c’è chi ha fatto un pingback direttamente sul proprio blog, per poi lamentarsi con me al grido di “hai bloccato il pingback”.
      Quindi suppongo che la risposta sia sì, c’è anche un modo sbagliato :lol:

  19. Io sono arrivato di rimbalzo dal sito di Internazionale dove discutevo a colpi di scimitarra sugli OGM e Biodinamica, Quello che hai scritto è un sentire comune a molte persone, risultato di incazzature sedimentate nel tempo, in pratica hai sturato la botte e, a differenza di altri, sei stata più diretta ed efficace. Quanno ce vò ce vò e bbasta!!

    • Ma non ci penso nemmeno, al massimo chiuderò i cazzi miei più privati.
      Tu meriti questo ed altro. Quando hai scritto il post su Jason, la notte ero a letto che ci ripensavo e mi veniva da ridere, ma non volevo svegliare il Tecnologico quindi “sussultavo” in silenzio. Lui s’è accorto e mi fa “Che c’è? Stai male?” e io sono ESPLOSA “LUUUUUUUUU…LUUUUU….LUUUCAA FOOOOONOOOOOOOOO HAHAHAHAHAHAHAHA”.
      Ti devo bei momenti :-D

  20. Ma per gli amichetti di vecchia data c’è un premio? Posso entrare nei follower+? :D
    Sono proprio contento perché in questo maremagnum di cazzari che si leggono in giro, vedere che ogni tanto qualcuno viene premiato perché scrive bene e cose intelligenti, scalda il cuore.

  21. senti, io sono arrivato qui tramite wish aka max e intanto mi sono letto in una sera una ventina di tuoi post. poi è esploso l’inferno. io non so come succedono queste cose, di comunicazione non ci capisco niente, non riesco mai a capirli i gusti delle masse, ma ogni tanto il risultato finale è quello giusto, i fiumi arrivano al mare e ci arrivano non inquinati…
    se non fosse che odio le smancerie, direi che sei strepitosa ;)
    unica nota: adesso che ci hai i follower, puoi cambiare questo rosa di sfondo che disturba un po’!

    • “è esploso l’inferno” rende davvero l’idea Swann. E quello strepitoso sei tu, con la tua pacatezza “col fuoco sotto”. Da noi qui a polentolandia ti direbbero “bronsa coerta”, in senso positivo ;)
      Grazie!

        • hahaha la bronsa è la brace. La bronsa coerta è la brace che cova sotto le ceneri, quando il fuoco ti sembra spento e invece sotto la cenere è ancora rovente. Qui si dice di persona che sembra calmina e buonina e poi sotto sotto non lo è, io lo intendevo come persona che, nonostante sia estremamente pacata, la passione di quello a cui crede emerge con forza dalle righe :)

          • ho capito. mi prenderò l’interpretazione buona… frattanto tutta la faccenda mi ha convinto definitivamente del fatto che devo scrivere un post su argomento SA, estendendo quanto detto (motivo per cui nessuno lo leggerà).
            poi sono curioso di vedere, adesso che sei famosa, come gestirai i tuoi post da bronsa palese, o fuoco vivo :D

          • Sì devi proprio.
            E quando lo farai… SARO’ IO SPAMMARLO PER OGNI DOVE, LO MANDERO’ AI GIORNALI, CREERO’ IL GRUPPO “AMICI DI SWANN”, LO RIPUBBLICHERO’ SULLA MIA BACHECA SOTTO LA FOTO DI UNA DONNA NUDA…:lol:
            Come li gestirò? Uguali a prima, sai quel proverbio su uno che nasce tondo e non può morire quadrato? ;)

  22. che bellezza questo blog!
    c’e’ tutto quello che serve per passare dei minuti piacevoli .
    l’unica cosa negativa per me e’ che vivendo fuori dall’alitalia anche se sottolini pecche nostrane me la fai mancare tantissimo perche’ nei tanti commenti che ricevi tra infamate e spunti interessanti c’e’ proprio l’essenza pura dell’italiano, quel cocktail di sarcasmo, ironia, ignoranza intelligenza, furbizia che…… lo trovi solo nel bel paese.

    grazie!

    p.s. dai vien via un tu smetterai mica ora che ci si diverte per davvero!?! un fa la bischera verbasequentur e’! :)

  23. Hai aperto il vaso di Pandora. Tutti i mali degli pseudo intellettuali italiani sono fuoriusciti all’improvviso. Non c’è rimasta nemmeno la Speranza, visto che Fabio Volo collaborerà per la sezione cultura del Corriere della Sera. Presto, sbrigati a scrivere quell’articolo su di lui ;)

  24. Il tuo post era una perfetta sintesi della folle situazione attuale, in cui chiunque legga una boiata in rete si sente un luminare.
    Il successo è più che meritato.

  25. Mi piace che la tua chiave di ricerca migliore sia “modelle puttane eroinomani”.
    Credo di riuscire a batterti con “macellazioni porno gay” (quando l’ho letta la reazione è stata, in primis, rotolare in terra ridendo, poi saltare per aria esclamando “ma chi cazzo cerca una roba del genere su google?!)

  26. Ma noi che ti seguivamo da tempo e ora finiamo in fondo al mucchione di commenti temendo che non li leggerai? Come la mettiamo? Senti un po’ volevo solo dirti che se Dio vuole (e pure l’editore) ho finito l’ennesima revisione del romanzo e le pagine con il clone del tuo migliore amico sono decisamente le migliori. A questo punto marketing puro: fascetta con scritto “il romanzo del migliore amico di Verbasequentur” Spacco che manco Fabio Volo.

    • Sandra! forse lo hai già letto nella risposta alla riru, ma il titolo del post (altissimo tasso di turpiloquio) lo avevo scritto per te! Perché sapevo che non ti piacciono le parolacce e volevo che potessi evitare di leggerlo… altro che fascetta, voglio un bacione! :)))

  27. Ho raggiunto il post tramite link sulla pagina facebook di un gruppo e l’ho trovato molto ispirato. Il successo é dovuto secondo me al fatto che in moltissimi ci rispecchiamo in quello che hai scritto e vorremmo trovare le parole per urlarlo al mondo. Ma anche alla tua simpatia e arguzia, oltre che alla capacità nella scrittura. Invogliata dal primo testo ho letto anche altro e voglio sinceramente farti i complimenti, è un piacere passare dal tuo blog :)

  28. Io sono una di quelle che ha cominciato a seguire il tuo blog proprio dal posto “Tutti Dottori” e sai cosa? Ho fatto una standing ovation da sola davanti il mio pc mentre lo leggevo!!! E anche io dico cazzo e merda e ho un tecnologico in casa e a volte scrivo a cazzo anche se non ho un blog!!! E finalmente un blog di una donna che non parla di cazzatine da femmine ma di quanto si possa essere vivi anche ogni tanto si sclera!!! Grazie!!!

  29. ciao, a me è successa la stessa cosa con il mio blog di maglia. A mia volta ho trovato il link del tuo blog in facebook da una persona che rispetto, e incuriosita ho letto il tuo post precedente, sbellicandomi dalle risate. A quel punto a mia volta ho condiviso con i miei contatti. Quindi è anche colpa mia la tua ansia. Perdonami. Penso però una cosa, che se un blogger non merita tutto questo non gli capita. Prenditi il merito che ti spetta.

  30. Ho letto anche io il post perchè condiviso da un’amica dalla bacheca di un’amica che aveva un cugino con una portinaia a cui la sciura ha parlato del blog.
    Scherzi a parte: ho letto il post, mi è piaciuto. Ne ho letto un altro, mi è piaciuto. Ho passato un giorno intero a leggere tutto il blog. Risultato: non ascoltare il Tecnologico, ti prego. Non chiudere tutto. E’ davvero piacevole leggerti.

  31. Credo che ti riferisca al post sugli ignoranti (ops! scusa, non si dice! prima che qualcuno si adombri…) e devo dire che tra quel post e questo mi sono divertito parecchio!
    Complimenti e continua così (anche se certo non ti serve il mio beneplacito per questo!)
    un abbraccio
    Claudio

  32. Avevo letto questo tuo post tempo fa. Ora sono tornato a leggerlo perché mi sta succedendo la stessa cosa. Da ieri il mio blog è sotto assedio. Bello da un certo punto di vista. Ma un po’ fa paura. Quasi spero passi in fretta per tornare a scrivere le solite boiate che leggono in 100/200 persone :-)
    Alex

  33. Howdy very nice web site!! Guy .. Excellent .. Superb .. I’ll bookmark your web site and take the feeds additionallyI am glad to search out so many helpful info here in the put up, we want develop more techniques in this regard, thanks for sharing. fkdakdkccffc

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...