del colore del grano.

Quando stai insieme a qualcuno, dopo un poco di tempo in automatico inizi a memorizzare i suoi orari e le sue abitudini, e l’altro i tuoi. In linea di massima si inizia col sapere cose come a che ora si alza, in che orari lavora, quando non chiamare assolutamente perchè fa la pennica (gioca l’Inter), quando è troppo tardi per la buonanotte perchè sta sicuramente già dormendo. Poi ci si evolve nel sapere tipo che è allergico alle pesche, lui si abitua alla frase “non correre che ho i tacchi” oppure “non fumare in macchina” o a bloccarsi davanti alle vetrine di tezenis come un bracco in punta se non vuole perderti nel marasma del sabato pomeriggio. Diventa sapere che odia la zucca (addio, risottino autunnale amatissimo), che non devi farlo parlare di politica coi tuoi, che per tenersi sveglio in macchina ascolterà i Pantera, e lui per contro ti farà il risotto con le pere ed il taleggio perchè la zucca no, si guarderà bene dal nominare Bertinotti a casa dei tuoi, metterà i Pantera a tutto volume pregustando il momento in cui tu sussurrerai che è comprovato che i Pantera provochino secchezza vaginale.

Sono tutte cose piccole che pian piano arrivano in automatico, di aggiustamento in aggiustamento, di scoperta in scoperta, di parola in parola. Inizi a spuntare nomi come giovanna, elisa e francesca da quelli papabili per presunte future figlie perchè sono le sue ex, i pomodori spariscono dal tuo frigo perchè la gastrite non perdona, il mercoledì lui dice vaffanculo al cinemino perchè c’è la champions e tu non ti schiodi dal divano, il tutto senza doverlo ripetere ogni giorno.

Diventa talmente parte del quotidiano che poi, se vi lasciate, sono quelle che cose che ti fanno più male: la telefonata delle sette di mattina, che c’hai ancora
gli occhi gonfi di sonno ed a momenti la fai in automatico senza accorgerti. Adesso sarà sveglio, adesso sarà in macchina, adesso al lavoro. Sono le 19 chissà dove fa aperitivo. Passa quella canzone alla radio. Non compri i pomodori nemmeno se sei sola perchè oramai non ti viene più, e quando torni a casa col sacchetto del Super ti senti imbecille. Ti accendi una sigaretta in macchina e ti mostri il medio allo specchietto. Esci senza rossetto per far dispetto a qualcuno che manco ti
vede. A me è capitato di urlare alla tele “dannazione, non mi ruberai anche il Milan”.

Io non ne sapevo tanto di storie lunghe. Fino ai venticinque la mia frase mantra era “ma anche no”. Uscire sì, divertirsi sì, trombare sì, fidanzarsi anche no, paranoie anche no, innamorarsi anche sì ma raramente coincidevano i sentimenti. Quindi toh, sei mesi, un anno massimo, ma proprio massimo, e spesso un anno affollato. Di altri.
Poi è arrivato il Metempsicotico e lì mi si è aperto un mondo.

Mi ricordo un giorno che eravamo all’estero nel museo dedicato ad uno dei miei pittori preferiti, e lui passando da una sala all’altra ha riso ed ha detto “Toh qui inizia a non piacerti più”. Ed aveva ragione, ed ho pensato cazzo è la prima volta in vita mia che qualcuno mi conosce così bene da sapere perfino in che punto preciso smetto di amare picasso. Ti pare? Sembra impossibile. Deve essere amore.
E mi ricordo anche un giorno, quando già la storia stava tendendo al marrone, che m’ha chiamata mentre ero fuori a cena ed ha indovinato cosa stavamo mangiando sia io che la mia amica, e lei m’ha detto “ma come fai a lasciare un uomo che sa perfino i gusti delle tue amiche” ed io mi sono letteralmente sentita soffocare.
Sembrava amore, ma forse era mania di controllo.

Una volta ho letto in un libro di aforismi la frase “Un marito è qualcuno che sai sempre dov’è.”
Adesso che convivo mi sembra così stupida ‘sta frase, io il Tecnologico non so mai dov’è, fa il commerciale! Ma ne capisco il senso, mi alzo la mattina sapendo se avrà freddo o no, capisco di che umore è da un sopracciglio, so che avrà già steso le lenzuola, ma avrà scordato le crocchette dei gatti, so quali videogiochi rovineranno la mia vita sessuale per una settimana e che non importa se lascio casino nella doccia perchè lui mi sturerà lo scarico invaso da capelli senza che
io nemmeno lo veda. Adesso che convivo non so se durerà per sempre o se finiremo un giorno a lanciarci i piatti e spezzarci il cuore, ma penso di poter dire con certezza che per me, per l’eternità, ci sono delle cose che saranno LUI e che non riuscirò mai più a scindere da lui, un poco come diceva la volpe del Piccolo Principe.

Il mio “colore del grano”:
1. Gli orrendi Pantera (gente che rutta a perdifiato facendo rotolare pentole giù dalle scale – cit.)
2. La nostra canzone, di un gruppo che ha scritto solo quella prima di cadere nell’oblio com’è giusto che sia.
3. Mass Effect 3
4. Cinque piani di scale.
5. Chiamare amichevolmente “Zola” il gorgonzola. Per me Zola era quello che ha scritto “J’accuse!”.
6. Il Pulp, che non esiste neanche più.
7. Empty cantata sotto la doccia, che manco un gatto in amore.
8. Armi. Da fuoco, da taglio, ipermoderne, antiche, pallosissime armi, storia delle armi, funzionamento delle armi, meccanica delle armi, posso farti vedere un video di armi, oh guarda, delle armi.
9. Essere aguzzi invece che acuti.
10. Le lasagne. Di sua madre.

Se qualcuno passa di qui ed ha voglia, mi piacerebbe leggere i vostri:)

Annunci

involuzione mon amour

Sabato mattina. Il Tecnomoroso s’è preso un week end dai suoi.
I gatti ed io abbiamo preferito restare. Io devo aver anche bofonchiato, o forse solo pensato, “ho tante cose da fare a casa”. E invece oggi è stata una meravigliosa giornata dedicata al più totale ed assoluto fancazzismo. Al di là di un veloce riordino vestiti (noi siamo ENTRAMBI disordinati. Lui molto. Io…catastrofe. A casa nostra vige la regola “Ricordati quello che cercavi l’altroieri, lo troverai mentre cerchi ciò che ti serve oggi”), una lavatrice, una sistemata alla cucina (personalità dissociata, eccomi: invece in cucina sono ordinatissima e vedere anche solo un cucchiaino nel lavello mi fa annodare i ricci), le mansioni basilari della cura gatta, ovvero cibo-acqua-asciugare acqua rovesciata dal gatto R.-rimettere acqua che beva anche il gatto S.- spazzolamento bestie, spazzolamento divano, spazzolamento verba che nel frattempo ha guadagnato più pelo di un persiano-coccole tenere al gatto R.- inseguimento con rissa e botte da orbi più inversione dell’inseguimento con gatto S. (non sono matrigna, è la sua personalissima idea di coccole), ho passato la giornata ciondolando in tutina tra caffè, altro caffè, ma sì dai ancora uno squisito caffè, libro, blog altrui, ancora libro, film, doccia, oh dai un caffettino.
Mi sono perfino presa il lusso di dire “non esco” agli amici (ammetto che qualcosa in questa decisione c’entri anche la serata di ieri con microNazi e OrsettoRidimmi, ovvero la bellissima quanto volitiva figlia quattrenne del mio amico di più vecchia data, e l’altrettanto bello e quattrenne figlio del nostro amico Shiny, che normalmente è un bimbo buonissimo, ma messo insieme a microNazi inizia a ripetere compulsivamente parole ed azioni della cucciola carismatica diventando a sua volta una bomba nucleare), per continuare a poter fancazzare tra pc e divano.
Fuori è buio, c’è stato un desideratissimo brutto tempo per tutto il giorno, il frigo è pieno di susine, ora c’è la partita e dopo la partita il finale season delle Desperate in lingua originale.
C’è stato un tempo nella mia vita in cui serate morosofree erano mini, tacchi, amici, disco, carnet pieni. Tzè.
Adesso scusate ma ho un gatto tigrato da inseguire attorno al divano.

(e non ho ancora quarantanni!!!)