Hello. Torna Adele, e quindi torno anch’io.

Dunque.
Nelle rarissime (issime!issime!issime!) occasioni in cui capita ancora di fare vita sociale, e nelle rarissime (vedi sopra) occasioni in cui la radio della mia macchina torna ad essere la MIA RADIO della MIA macchina, e non la ripezione costante&perenne de “La Zanzara con l’abito da sera” nella carrozza porta erede, ecco, in quelle occasioni lì io ho sentito la nuova canzone di Adele ed il relativi “oh com’è struggente”.
Struggente?
La menata della ex che ti chiama a tutte le ore da quando è passata da “attenuante in caso di omicidio” a “struggimento amoroso”? Che vi è preso a tutti mentre vivevo rintanata nella mia ruota casa-figlia-lavoro?

Ma no, dai.
Adele, adele, già prima avevi quel certo non so che di gatto appeso ai maroni, ma adesso inizio a pensare che tu sia la versione femmina di Antonello Venditti. No, no, no, non si fa.
Struggente? Ma struggente un cazzo! Non è neanche più stalking, è la ex che non ti vuole finchè tu non sei lì lì per rifarti una vita: allora ti ha sempre amato.

Un milione di anni fa avevo un fidanzato che possedeva, oh fortunato, una ex di questo tipo. Modello Adele, fatta e finita.
Non se lo fila di pezza per mesi. Appena però le arriva voce che sia riammorosato – e ancor peggio, felice – tah dah! Squillino al cellulare!

“Hello, it’s me
I was wondering if after all these years you’d like to meet
To go over everything”

“Scusa ma tu non stai con uno da due anni?”
“Eh no sai ci siamo lasciati… e poi non era come con te!”

“They say that time’s supposed to heal ya
But I ain’t done much healing
Hello, can you hear me”

Sì, in effetti non ti sente bene. Perchè è in taverna, con la sua fidanzata nuova di pacca, e starebbe cercando di avere un rocambolesco rapporto sessuale sul divano buono dei genitori. Non ti sente. C’ha una vita. Capisci?
No.

“Hello from the other side
I must have called a thousand times
To tell you I’m sorry for everything that I’ve done
But when I call you never seem to be home”

Lasciamo stare il reato di stalking, questa è la dichiarazione perfetta delle “ex Adele passivo-aggressive”:
“Ti ho chiamato taaaaantissimeee volte. Per scusarmi di averti fatto becco e di essermi fatta sgamare e di averti lasciato come un sacco di spazzatura davanti ad un cassonetto pieno”.
Finito? No!
“MA TU NON SEI MAI A CASA QUANDO TI CHIAMO virgola e sottinteso: STRONZO”

Fatemi capire chi al giorno d’oggi, esclusa la mia vicina di casa settantenne che riceve chiamate nel cuore della notte e risponde garrula dei “prooontooooooooooooo?” a 90 dB che mi risvegliano figlia e nazismo, chi ca* telefona A CASA, se non quelli dei call center, la nonna a Natale e…Adele, al suo ex.
Per poi potersi lamentare che lui non c’era.
‘sticazzi, Adele, quel numero non sarà manco più il suo. Starai chiamando un’ufficio postale, dopo le 16 non c’è più nessuno, figurati se fanno straordinario per pigliare le tue drunk-dials delle due di notte.

E poi, eccolo qui: il Manifesto del Partito Adelista. La rosicata lasciata cadere così, con la grazia di un Gasparri in moschea:

“At least I can say that I’ve tried
To tell you I’m sorry for breaking your heart
But it don’t matter it clearly doesn’t tear you apart anymore

Io ci ho provato, con lieve ritardo di lustri, a scusarmi per quella scopata col tuo amico di dieci anni fa.
LO STRONZO CARO MIO SEI TU, CHE DOPO DIECI ANNI NON CI PIANGI ANCORA SOPRA. E ALLORA MICA MI AMAVI! SE ERA AMORE VERO, CARO MIO, STAVI ANCORA SEDUTO ACCANTO AL TELEFONO FISSO, A TREMARE OGNI VOLTA CHE IL COMPUTER DELLA VODAFONE SELEZIONA IL TUO NUMERO PER L’OFFERTA ADSL CASA, CON ‘NA PEZZETTA SULLA FRONTE E I KLEENEX ACCANTO! E INVECE NO! COME OSI RIFARTI UNA VITA?!”

Sarà che ci sono passata.
Sarà che il dialogo:

“Ma ti sei fidanzato?”
“Sì”
“Ci vediamo?”
“No!”
“Ma io voglio vederti!!”
“Non è il caso, mi dispiace!”
“STRONZO, ALMENO PER GLI AUGURI!”
“Gli auguri di che?”
“GLI AUGURI DI PASQUA!”
è avvenuto davvero, protagonista il mio fidanzato dell’epoca, davanti ai miei attoniti occhi e le mie ancor più attonite orecchie.

Ma come diamine si fa a considerare struggente la versione americana di “EH LUCA?!”

Annunci

Uomini e soldi

Vado al supermercato una sera, appena uscita dall’ufficio. Di fronte al supermercato c’è uno di quei negozi di scarpe a poco prezzo, enorme, con migliaia di scatole di marche mai viste, tutte rigorosamente “made in italy”. A me servono delle scarpe da “essere umano di sesso femminile non più in età da snickers all day”. Non sono disposta a pagare euri sonanti per una roba che il mio cuore mi dice essere adatta a persone molto più vecchie di quanto io – ed il cuore suddetto – sia. Comunque già che sono là mi imbatto nel reparto “Ciabatte da uomo” e mi viene in mente che il Tecnologico lamentava di essere sguarnito. Fotografo l’intera fila a gruppi di tre ciabatte a foto, spedendole al moroso con didascalia “scegline un paio”. Mi sembrano tutte uguali. Anche di prezzo.
Il moroso sceglie, io piglio le ciabatte e mi accorgo che, tra tipo 50 pantofole variamente nonnesche, ha scelto quelle – LE UNICHE – che costano come un paio di scarpe.

Ebbene questo è il mio uomo. Dal nulla, nel buio, senza sapere, senza vedere, senza volere, lui punterà il dito od allungherà la mano esattamente verso l’oggetto più caro del mazzo. Non è né noncuranza né cattiveria né egoismo, è proprio un istinto naturale, e vale per ogni cosa, dal pacco di pasta alla borsetta, dai pomodori pelati alle buste di prosciutto all’automobile al divano passando, e posso garantirlo perchè la casa ce la siamo costruita centimetro per centrimetro, per i COPRICESSO, i rubinetti, i battiscopa e finanche gli spazzettoni.

Credo che l’unica cosa della sua vita che si sia scelto non ad altissimo mantenimento sia la sottoscritta.

Quando abbiamo scelto i materiali per i bagni, la gentile signora del negozio di arredo ha assistito più e più volte alla scena di lui che zompava come un folletto sotto anfetamina gridando “lo voglio lo voglio” di fronte a rubinetti da 800 euro e water (WATER, Sant’Iddio) da 2 milardi di paperdollari, con me che lo inseguivo flagellandomi con gli estratti conto cercando di convincerlo a scegliere qualcosa – QuALUNQUE COSA, CAZZO, DAI, STIAMO PARLANDO DI UN WATER! – che costasse meno di un decimo.
La gentile signora alla fine dei sei – SEI – appuntamenti in zona arredo bagno ci ha confessato che ha visto coppie divorziare per molto meno.

Ma noi siamo così, non prendiamo macchia, come direbbe mia madre. Lui corre per le verdi praterie dello sperpero puntando oggetti che può permettersi giusto Marina Berlusconi, ed io lo consolo quando scopre che il lavandino tondo, grande, che sembra pietrone da giardino, è il modello stocazzo del design Papampimpolo in pietra originale di cimitero tibetano e costa come una bifamiliare con due bagni.
Perchè il Tecnologico non è mica scemo, eh. Lo sa che non teniamo una lira. Solo che… c’ha il talento. Quello di scegliere dal nulla la ciabatta da venti euro nel mucchio di ciabatte da cinque.

Del resto, l’Uomo-Expensive è fatto così. E’ autonomo, provvede assolutamente di persona ai propri acquisti, ha buon occhio pure per i tuoi, ha gusto nel farti un regalo, puoi mandarlo a fare la spesa (anzi ci va sua sponte) da solo sapendo che tornerà con tutto quello che serve:
TOP TOP TOP GAMMA.

Per contro ogni giorno parlo con la mia segretaria che c’ha il marito della categoria spilorcio-mammone. Lo spilorcio mammone è quello che non ha idea di cosa costi nulla, perchè gli ha sempre comprato tutto mammà. E quindi è cresciuto con la ferma convinzione che alimenti, mutande e calzini, bevande e liquori, si comprassero e si incassettassero da soli, che detersivi e shampoo facessero lo stesso, e che le bollette si autosaldassero. Lo spilorcio mammone spende solo per gli hobby e solo per se stesso. Se non che quando ne sposi uno è un dramma. 50 euro di spesa sono cinquanta euro che tu, moglie, rubi dalle sue tasche per acquistare cose che nelle altre famiglie si materializzano senza bisogno di euro e fatica. Sono 50 euro rubati allo spritz. TUTTO è troppo caro, e la moglie è una dannata manibucate.
Costui al supermercato insegue la moglie SVUOTANDO il carrello mentre lei lo riempie (no, non sto scherzando): e perchè due dentifrici, e la fanta no non ci serve mica – guarda quanto costa – e il prosciutto no madonna quanto è caro – e davvero ti servono DUE tipi di detersivo? cosa vuole dire detersivo per la lana? ma davvero si lavano i maglioni? e sei matta, cos’è questo cioccolato?! Sei già ingrassata! – e via anche l’ovetto Kinder per Ciccio, che poi il dentista costa carissimo.
Il fatto è che poi (no, non sto scherzando neanche qui) a casa gli viene appetito, e si lamenta che non c’è prosciutto. O grissini. E perchè non c’è una bibita gassata in tutta casa?
Va da sè che questo tipo di uomo un regalo così, di getto, non te lo farà mai nella vita. Neanche dai cinesi di tutto-a-un-euro: lì ti compra quello di Natale.

Altra categoria è il risparmioso a tutto tondo, quello la cui parola d’ordine è NO. NO alla pizza, NO allo spritz, per scegliere un supermercato studia più di un fisico nucleare, NO ai regali di Natale, NO ai regali di compleanno, NO ai viaggi se non a scrocco, si cambiano utenze telefoniche e di luce e gas ogni due mesi a seconda dell’offerta di turno, si riclano vestiti, si rammendano i calzini. Cerca sgami per avere gli assegni familiari, per taroccare l’isee e pagare meno la scuola dei figli, si arrabbia coi bambini per quanto cazzo costano libri e vestitini. Lui comprebbe solo usato, tanto i piccoli “crescono troppo in fretta” e “i giocattoli manco li usano, io stavo al parchetto con gli amici e non avevo neanche il pallone”.
Ti porta a cena fuori. Da Mc Donalds. Tu fai per ordinare un Big Mac, lui ti ferma: PRENDI LE CROCCHETTE CHE SONO PIU’ BUONE.
Tu prendi le crocchette e lui paga col buono-crocchette di BlockBuster.
Poi però si compra la BMW coupè e ti cazzia aspramente se apri il portabagagli toccandolo al centro e non ai lati, ché “lasci le ditate” (true story).

L’ultimo è lo spilorcio-furbo. Lo spilorcio furbo lo conosciamo tutti. Se sei la sua compagna, è quello che ti ha chiesto di mettere soldi anche tu per comprare la sua moto “a metà”. E ti ha promesso di ridarteli, o di metterli in casa, o di comprarti quella cosa che tanto desideri a Natale, quando avrà messo via un poco di denaro.
Natale di dieci anni fa, ovviamente. Intanto ha cambiato la moto e ti ha chiesto di nuovo di fare a metà perchè “è un bene di famiglia e risparmio benzina”.
Lo spilorcio furbo è quello che quando ci esci, soprattutto se siete tra amici, o non ordina nulla e poi “mi da un pezzo?” “mi fai fare un sorso?” e si magna e beve tutto quello che hai ordinato (e pagato) tu, oppure ordina alla grande e quando arrivi in cassa…oh cristo ho dimenticato il portafoglio!
A me è capitato pure che un raro caso di spilorcio-furbo conoscente abbia lasciato il conto aperto al bar!
“Ti pago un caffè”
“Io avrei anche una coca ed un toast a tuo nome”
“EH?!”
“Eh mi ha detto M. di segnarli a te che eri d’accordo”
“?!?!?!?!”

Lo spilorcio furbo è quello che non compra le sigarette, e ti dice apertamente “Quelle degli altri sono più buone”, ridacchiando e sentendosi figo. E’ quello che ti chiede prestiti a botte di cinquanta euro quando conosce una donna nuova, perchè sa benissimo che per fare bella figura almeno la prima volta deve offrire lui, e poi – passata la festa – munge anche lei a colpi di scroccate e di portafogli dimenticati e di acquisti improbabili “ma l’ho preso per te!” (COSA hai preso per ME, mentecatto, le casse per il computer?? Un casco integrale DA UOMO? Due casse di cocacola che io le bibite gassate non le bevo??).

Visto il parco spilorci, passare il resto della vita a rincorrere con una roncola il mio Tecnologico Spendaccione-Poraccio non mi sembra affatto una brutta prospettiva.

E voi, come siete messi?

back to December, all the time.

Chiunque mi conosca abbastanza bene, di persona dico, sa che io di musica non capisco veramente nulla. Niente. Zero. Nada. Per me la musica è come la pittura, questo mi piace, questo no, questo ancora sì, questo mi fa schifo, e magari sto discriminando de chirico a favore di qualche crosta di paesaggio marino. Ascolto un poco di tutto, tranne il jazz. Il jazz non lo sopporto, non lo reggo, l’unica cosa che reggo ancor meno è la musica latina, tanto per capirci.
Ultimamente, da tamarra dentro verace, sto in fissa col country. E mica il country DOC, mica Don McLean, no.
Taylor Swift, tipo.

In particolare questa settimana è la volta di questa canzone qui:

Perchè il bisogno di confessare questi gusti di emme in fatto di musica?
Perchè una delle strofe di quella canzone, che parla di decisioni sbagliate prese in passato dice “I’d go back to December turn around and change my own mind”, così io che vivo in una perenne fase meditativo compulsiva ho passato qualche ora del mio tempo a chiedermi ma io, io, se veramente potessi tornare indietro di una ed una sola decisione in campo amoroso, UNA UNICA, io che farei?

E mi sono resa conto con sommo orrore che no, non cancellerei la più obbrobriosa delle one night stand quella col matto mitomane che il giorno dopo mi ha nascosto il regalo di compleanno in camera da letto perchè “magari da qui ad aprile non ci vediamo più” (era novembre…) e mi ha perseguitata a colpi di “ma io ti amo” nei mesi a venire, no, non riprenderei il fidanzato che mi ha spezzato il cuore per altro facendosi mollare come nella migliore delle tradizioni, no, non mi depilerei quella sera particolare che poi insomma la depilazione mancata è il vero grande anticoncezionale accettato anche dalla chiesa cattolica, no, non chiamerei per prima quell’altro che poi ho perso di vista e neppure romperei le corna con un’abat-jour all’Epica Testa di Cazzo di cui tanto ho parlato.

Io, se potessi tornare indietro UNA ed UNA SOLA volta in tutta la mia vita amorosa, tornerei al giorno in cui ho conosciuto il mio ex storico.
Al MINUTO PRIMA.
Ed inizierei a correre nella direzione opposta. Veloce. Molto veloce.

Perchè caro il mio ex, io in sei anni sono andata a ballare una volta.
UNA VOLTA, dai 24 anni ai 30.
UNA VOLTA, in sei anni. Ed io amavo, adoravo ballare. E tu no. E vincevi sempre tu.

Perchè caro il mio ex, in sei anni non si capisce come, avendo un lavoro e vivendo per almeno 5 di quegli anni coi miei, non c’avevo mai una lira perchè “eravamo in due”.

Perchè caro il mio ex, quando ce l’avevo una lira comunque tu volevi andare in vacanza in qualche posto buco di culo senza nemmeno un bar, vicinissimo a mammà, sporco lurido e con cucinino, dove IO cucinavo pranzi e cene mentre tu fissavi il vuoto e ringhiavi. E poi mi dicevi “non ho fame”.

Perchè caro il mio ex, ho aperto le cartelle documenti del vecchio pc defunto da un decennio e c’è la descrizione di una vera vita di merda, giorno dopo giorno, fedeli alla linea come dicevano quelli lì, dove la sottoscritta lavorava dalle 8 alle 20 quasi no-stop, litigando via sms nel pochissimo tempo libro e nel frattempo rifiutava ogni sorta di inviti, che fossero di amici, parenti, lontani conoscenti: la sagra no che c’è casino, la disco no che è tamarra, il pub no che è proletario, il week end fuori no che costa, conoscere gente no che poi la gente s’attacca c’ha i microbi cosa vuole la gente da te cosa vuole la gente da me cosa vuole la gente, aaaaargh?!?!?!??!?!

Ma soprattutto caro il mio ex, ho aperto le cartelle documenti del vecchio pc defunto da un decennio e oltre al diario dell’epoca ed alle mail ed ai log delle chat ci sono le foto.
Le nostre, dove sembro una persona morta prima del tempo e rimessa in posa per la foto della lapide.
Le foto dei miei amici, che si divertono, mamma che giovani! e noi non c’eravamo mai.
E poi le foto di persone perse di vista, tra cui alcuni di coloro che in quegli anni hanno fatto parte del capitolo “inviti NON LECITI rispediti al mittente”. E c’è uno che sembra la pubblicità di intimissimi uomo. E mi scriveva delle mail bellissime. Ed io pensavo “Maddai che fai la brava che stavolta ce la fai” e premevo canc, canc, canc.
Per te.
Mica per convinzione morale. Per te.
Un fottuto modello di mutande da maschio.
Per te.
Mi aveva prenotato un biglietto aereo, del tutto estemporaneo e senza dargli corda.
E gliel’ho fatto annullare. Sdegnata.
Per te.
Ad uno con quegli addominali lì.
Per te.

[Che adesso che sto col Tecnologico ho il mio vaso di pandora al contrario, invece di uscire fuori tutto, entra tutto dentro alla nostra storia, finchè non ci sono più mancanze, nè assenze. Ma tu. Ma tu, sant’iddio. Ma che m’è preso per sei anni?]

Ma che mi passava per la testa a ventanni&rotti a me?

I’d go back to December turn around and make it alright.
I’d go back to December turn around and change my own mind.
I go back to December all the time.
All the time

Mens sana in corpore sano. Ma quale mens?

No, deve essere una qualche congiunzione astrale (s)favorevole, fatto sta che sono giorni che leggo blog in cui si parla di palestra, di panza, di mantenersi in forma come espressione dell’amore per se stessi, più che come comandamento estetico dei giorni nostri.
E fin qui, ineccepibile.

Solo che poi uno si fa un esame di coscienza (o di girovita, a seconda. Tipo, il mio passare da scricciolo a pallarimbalzina a me non è che faccia proprio riderissimo, ed io la palestra la odio, in compenso leggo le monografie di Limes per rilassarmi) e magari si chiede “ok ma io cosa dovrei fare di più per essere la persona che voglio essere?”

Perchè dico, non avere la pancia non è mica tutto. A me non basta. Ma soprattutto: non mi basta nell’altro.
Prima di uscire con MioMoroso, aka SuaTecnologia, post fidanzamento pluriennale con il MetemPsicotico, per un periodo ho frequentato quello che l’ottima Wonderland di machedavvero? ha mirabilmente definito “la botta de culo ad ore”, ovvero un tizio così figo, ma così figo che, se ti si fila, è ‘na botta de culo e finirà prestissimo.
Solo che il mio BottodiCulo stava in crisi mistica e quindi le ore sono state molte. Tipo un paio di mesi. Tipo che io credevo fosse il segno che Dio era d’accordo con me sulla nuova svolta da imprimere alla mia vita (e diamola via, di grazia!) e mi avesse mandato ‘sto fisicatissimo corazziere moro che Banderas in confronto è asimmetrico, e invece: un piagnolo. Fichissimo, ma triste. Ipersportivo, ma in fase cercafamiglia: una cozza.

Perchè tiro fuori lui? Perchè era bellissimo. Perfino MioMoroso, quando ha visto un paio di foto, m’ha detto “Ammazza”, e di più non ha proferito perchè il rischio di “cosa stai dicendo che era troppo fico per una come me? eh? eh? ammettilo!” era abbastanza elevato. Insomma era bellissimo ed io ho sempre pensato di essere una che potenzialmente della bellezza vera, pura e semplice, si potrebbe anche innamorare.

Eppure una domenica mattina in quei due mesi sono andata a comprare i giornali e me ne sono tornata a letto. A lui la gazzetta. A me un quotidiano qualsiasi.
E mi ricordo di essere scoppiata a ridere leggendo un botta e risposta tra feltri e qualcuno del PD, laddove qualcuno del PD accusava Feltri di aver usato i servizi segreti per hackerargli i server e rubare un documento pubblicato su Libero, e Feltri rispondeva bel bello che veramente lui l’aveva scaricato dal loro sito Web.
E mi ricordo lui che mi dice “perchè ridi?”
verba: “Eh, perchè questo cretino di NonricordoChicazzofosse ha accusato feltri blablabla e invece stava sul suo sito web”
BottaDeCuloMaNonTroppo: “Ma chi è NonricordoChicazzofosse?”
verba: (Beh, dai, magari non segue la politica) “Eh NonricordoChicazzofosse è un politico di questo partito qui”
BDCMNT:”Ah. E chi è Feltri?”
verba:(Uhm, magari non legge i quotidiani) “Eh Feltri è il direttore di Libero”
BDCMNT: “Ah. Il giornale che leggi tu?”
verba: (UHM. Ma questo qui ci fa o ci è?) “No, io leggo larepubblica.”
BDCMNT: “Ah. Che differenza c’è?”
verba: (mayday! mayday!) “Nessuna. Mi leggi l’oroscopo della gazzetta?”

Insomma io sarò pure una stronza, ma ho capito in quel momento che non era cosa. Io con un uomo a 30 anni non sa in che paese vive e cosa ci succede non ci posso stare, neanche se ha la tartaruga, due bicipiti da bronzo di riace e le lentiggini, ma lievi lievi. Non ce la farei mai.
Non dico un fisico nucleare, ma cazzo, uno che viva nel suo tempo.
Da parte mia, posso serenamente dire che me ne sbatto le balle della tartaruga, che nel mio tempo ci vive eccome e che per farmi smettere di parlare di attualità devi spararmi (e infatti, MioMoroso è un logorroico col porto d’armi).

Ora, questo non mi fa sicuramente sentire di nuovo uno scricciolo.
Però almeno mi fa sentire meno merda.